Sezione ANIMALI

Consulenze /persi / mercatino

stefanialiguoro
2 lug 2018

Come comunicano i gatti

0 commenti

 

Gli animali sentono, “vedono”, comunicano con altri sensi. Numerosi esperimenti incruenti dimostrano come gli animali percepiscano in modo nitido gli avvenimenti anche se “privati” dei normali sensi.

 

Vi sono montagne di prove che indicano le capacità extrasensoriali degli animali: animali domestici che sanno quando il padrone muore o è in pericolo anche se è lontano centinaia di chilometri; capacità di leggere nella mente; predizioni di terremoti, temporali e perfino bombardamenti molto tempo prima che abbiano luogo; capacità di attraversare un continente alla ricerca del padrone perduto; il loro ritorno dall’aldilà per avvisare i padroni di un pericolo; perfino preveggenza, come nello strano caso di Missie, il Boston Terrier che sapeva contare e dialogare con gli esseri umani secondo un linguaggio convenzionale.

Sono poteri che pochi di noi, la razza “superiore” del pianeta, possiedono. E forse gli animali fanno uno sforzo maggiore per comunicare con noi di quanto noi ne siamo consapevoli, e la maggior parte dei loro messaggi non ricevono mai la nostra attenzione.

La capacità degli animali a trasmettere e a ricevere messaggi telepatici, è una proprietà acquisita dell’organismo animale che precede la coscienza sensoriale. La telepatia potrebbe spiegare l’improvviso cambio di direzione di uno stormo d’uccelli che volano assieme, e potrebbe anche aiutarci a capire come mai cani e gatti sono in grado di ritrovare i loro padroni anche a grandi distanze, in luoghi dove non sono mai stati.

A coloro che convivono con cani e gatti si dà il seguente suggerimento: per abituare il vostro beniamino a capire la parola seduto, per esempio, chiedetegli di sedersi mentre lo visualizzate in quella posizione. Presto l’animale risponderà al “comando”, se lo desidera, quando avrà ricevuto l’immagine da voi. Mentre viene dato questo tipo di istruzione, avviene un tipo di comunicazione ESP, ovvero si conversa nel linguaggio degli animali. Quando diventerete abili, diventerà naturale “chiacchierare” col vostro Gatto (attraverso le immagini ESP). I Gatti, più di qualsiasi altro animale, sono in grado di leggere nel pensiero e di comunicare a livello inconscio con gli esseri umani, ma accade solo quando le onde elettromagnetiche di entrambi coincidono.

Nel corso della nostra vita quotidiana tutti noi sperimentiamo diversi “stati di coscienza”. Nell’arco di una giornata, tra la luce del mattino e il buio della notte, ci muoviamo da uno stato ordinario di veglia ai diversi stadi del sonno, tuttavia anche gli stati di coscienza “straordinari” fanno parte della nostra comune esperienza: quando ci sentiamo particolarmente “creativi”, insolitamente “intuitivi”, eccezionalmente “lucidi”, profondamente “rilassati”.

Ordinari o straordinari che siano, tutti gli stadi della nostra coscienza sono dovuti all’incessante attività elettrochimica del cervello, che si manifesta attraverso “onde elettromagnetiche”, le onde cerebrali, appunto.

La frequenza di tali onde, calcolata in cicli al secondo, o Hertz (Hz), varia a seconda del tipo di attività in cui il cervello è impegnato, e può essere misurata con apparecchi elettronici. Gli scienziati suddividono comunemente le onde in “quattro bande”, che corrispondono a quattro fasce di frequenza e che riflettono le diverse “attività del cervello”.

 

Tutti noi, anche se ignari, siamo dotati di uno strumento eccezionale che emette e capta onde elettromagnetiche. Uno strumento che, chiamato in gergo “corna del cervello”, rappresenta la proiezione della forza psichica al di fuori del corpo. Gli stati delle onde elettromgnetiche nell’uomo si dividono in:

★ Onde Delta (Centro di Potere Psichico). Stato di Coscienza: Sonno Profondo. Hanno una frequenza tra 0,1 e 4 Hz, e sono associate al più profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell’abbandono totale; in questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.

Come le Theta, sono l’elettricità nervosa del Centro di Potere Psichico, o della personalità inconscia.

★ Onde Theta (Potere Psichico). Stato di Coscienza: Sonno (REM). La loro frequenza è tra i 4 ed i 8 Hz, e sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda, il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioè, quando si sogna).

Nelle attività di veglia le onde Theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacità immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creatività e alle attitudini artistiche.

★ Onde Alfa (Mente Subcosciente). Stato di Coscienza: Dormiveglia (Stato Alfa). Hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz, e sono associate ad uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero.

Le onde Alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell’attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji. Esse sono l’elettricità nervosa del subcosciente, ovvero l’elettricità nervosa della personalità subconscia.

★ Onde Beta (Mente Cosciente). Stato di Coscienza: Veglia e Attenzione. Hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz, e sono associate alle normali attività di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde Beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attività di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda.

Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde Beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l’esecuzione rapida di azioni.

Nei momenti di stress o di ansia, le Beta ci danno la possibilità di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi. Sono l’elettricità nervosa della mente cosciente, cioè delle regioni dei sensi e dei muscoli del cervello. Esse sono anche l’elettricità nervosa della personalità conscia.

 

★ Onde Gamma (Potere Psichico Profondo). Stato di Coscienza: Iperattività. Onde eccezionali, le onde Gamma sono le onde cerebrali del medium in «trance», e provengono dal Potere Psichico. Esse hanno una frequenza da 30 a 42 Hz e sono rarissime, sono l’elettricità nervosa della personalità totalmente inconscia.I Gatti viaggiano sulle onde Alfa che, come abbiamo visto, altro non sono che uno stato di dormiveglia, esse sono proprie dello stato di leggero dormiveglia e di molte delle pratiche di auto-aiuto (autoipnosi, meditazione, training autogeno, e via dicendo).

Le Streghe “vivono” sempre questo stato, generalmente, ecco perché comunicano con i Gatti e sono loro più “affezionati” amici (famiglia).

La frequenza delle fusa dei Gatti coincide con il limite di 30 Hz, circa, delle onde Beta.

In base ad un articolo del 18 Marzo 2001 del Telegraph di Londra di David Harrison: “Le fusa dei gatti hanno un meccanismo naturale curativo … tra 27 e 44 Hz … sono le frequenze dominante per un gatto domestico, e 20/50 Hz per il puma, ocelot, serval, ghepardo e caracal. Questi dati confermano che l’esposizione a frequenze di 20/50 Hz rinforza le ossa umane e le aiuta a crescere. Quasi tutti i gatti fanno le fusa, inclusi leoni e ghepardi, non le tigri.”

Comunque, in base alle informazioni sulla Tigre del Bengala: “Le tigri (del Bengala) fanno le fusa. I gatti domestici fanno le fusa quando inspirano ed espirano, le tigri fanno le fusa solo quando espirano. … Il ruggito della tigre del Bengala può essere sentito a 2 miglia di distanza. … La tigre Siberiana, cugina della tigre del Bengala, è il gatto più grande del mondo.”

I post più recenti
  • Silvia Bianco
    30 dic 2018

    Bellissimo post di Alessia Gargani, che condivido con voi. I nostri amici a a zampe hanno sempre bisogno di noi...l'importante è esserci,sempre! BOTTI Leggo numerosi post in questi giorni che danno indicazioni su come proteggere i nostri animali durante la notte di Capodanno (ma non solo, purtroppo!). Credo che tutti oramai sappiano che è sconsigliato lasciarli da soli, e non voglio nemmeno commentare la terrificante indicazione di rinchiuderli in un kennel… lo considero un comportamento criminale con potenziali conseguenze devastanti. Ok sul cercare di attutire suoni e luci provenienti dall'esterno in tutti i modi possibili. Ok allestire (preparata e proposta al cane nei giorni precedenti) una sorta di tana con oggetti familiari. Ottimo l'utilizzo di integratori naturali, e nei casi più gravi, farmaci prescritti ad hoc dal veterinario (NO ACEPROMAZINA)...e non insorgete, perché moltissimi animali muoiono per reazioni di panico come quelle legate ai botti, soprattutto se animali anziani o in condizioni fisiche compromesse (es. cardiopatie). Ma la cosa che leggo ovunque e che definire "anacronistica" è un eufemismo, è che non devono essere confortati e coccolati. Sebbene quando iniziai i miei studi (quasi 20 anni fa) ancora questa cosa da qualche parte si sentiva, oramai è stata da tempo assolutamente screditata. Qualcuno mi dirà "rinforzi"! E io rispondo che si rinforzano i comportamenti e non le emozioni, e tutto quello di apparentemente folle che l'animale fa in quelle maledette ore è determinato da un'emozione potente: la paura ancestrale, atavica, primordiale di qualcosa di incomprensibile ed in grado (per l'animale) di mettere a repentaglio la propria vita...quindi stare a parlare di rinforzi mi pare assolutamente fuori luogo, inutile e crudele. Inoltre, come si ci fosse bisogno di spiegare scientificamente che un abbraccio consola da sofferenza e paura, le reazioni legate alla paura sono conseguenti all'attivazione dell'amigdala, una piccola parte del cervello "antico" che produce noradrenalina, che poi è in gran parte responsabile di tutte le reazioni fobiche osservate. La coccola, l'abbraccio, il contatto fisico amoroso inducono invece la produzione di OSSITOCINA, un ormone che è in grado di antagonizzare gli effetti della noradrenalina. In pratica è un antidoto alla paura stessa. Per cui non esitate a confortare in ogni modo possibile il vostro animale e rinunciate, se potete, ad una serata mondana, perché lui avrà davvero bisogno di voi! � �
  • stefanialiguoro
    2 ott 2018

    http://www.stefanialiguoro.com/il-5-ottobre-al-mandala-parliamo-di-evoluzione-e-comunicazione-con-gli-animali/ Il 5 ottobre al Mandala parliamo di Evoluzione e Comunicazione con gli Animali Comunicare ed Evolversi con gli Anima-li domestici venerdì 5 ottobre dalle ore 20:30 alle 22:00 presso Il Mandala Via Passo Buole, 6 – 20135 -Milano Per chi riconosce il valore animico degli Animali, al servizio dell’evoluzione dell’essere umano…una nuova visione di collaborazione profonda e sottile con i nostri animali domestici… per crescere insieme. In questo approccio viene riconosciuto il Metodo del Rispecchiamento in cui l’animale in profonda connessione con noi rispecchia esattamente le nostre dinamiche emozionali e ce le mostra con comportamenti alterati o disagi fisici. � �Abbiamo l’opportunita‘ di renderci coscienti di parti di noi che nascondiamo e di cui non siamo consapevoli attraverso uno specchio pulito e amorevole con cui e’ possibile collaborare quotidianamente. E’ indispensabile la voglia e l’impegno del compagno umano di volersi osservare profondamente e lavorare attivamente sulle proprie dinamiche emozionali. � � Se restiamo in ascolto, i nostri animali ci passano informazioni davvero interessanti e sono totalmente presenti ad ogni qualita’ vibrazionale di cui siamo fatti e che ci circonda. Sono dei veri e propri complici energetici che supportano il nostro viaggio e ci aiutano a riscoprire qualita’ ancestrali e sottili in noi che abbiamo bisogno di risentire in modo puro e incondizionato per riequilibrare il nostro sistema corpo-mente. Anche noi umani forniamo loro un servizio di evoluzione. Stando in stretto contatto con l’essere umano, il compagno animale ha la possibilita’ di crescere parallelamente a noi, ogni passo in avanti che compiamo, avra’ effetto anche su di lui. E’ pura magia! In questa serata verranno spiegati i principi su cui si basa la comunicazione con i nostri animali e presentato un ciclo di 4 incontri dove verra’ approfondito il rapporto uomo-animale. venerdì 5 ottobre dalle ore 20:30 alle 22:00 Per conoscere le date degli incontri: http://www.stefanialiguoro.com/agenda/ Stefania Liguoro 320.8446910 stefanialiguoro@gmail.com Presso : Centro Associazione Il Mandala Via Passo Buole 6 Milano Segr. 0239844009 – cell. 3382215491 www.ilmandala.com – walter@ilmandala.c
  • stefanialiguoro
    1 set 2018

    Etologia Cognitiva - Intervista a Mark Beckoff Buongiorno a tutti! E bentornati dalle vacanze! Spero stiate bene voi e i vostri compagni pelosi... Vi segnalo questo interessantissimo video/intervista a Mark Beckoff , scienziato di portata internazionale il cui campo di studio preferenziale e' l'etologia cognitiva. Buona visione!

© 2018 - 2023 by BovisAttiva. Created with Wix.com